PRAESEPIUM.COM         

 

Il web del presepe di San Bartolomeo in Tuto, a Scandicci - Firenze

 

 

 

 

bullet

Non sempre Ŕ possibile dedicare ore ed ore alla costruzione di elementi architettonici per il nostro presepio, specie se questi elementi hanno pure una importanza secondaria o di contorno (allestimento scenico): diviene quindi importante individuare una tecnica veloce che abbia comunque un buon risultato visivo. Il polistirolo pu˛ fare quindi al caso nostro.

  1. La stanza dove abbiamo costruire il nostro presepio non Ŕ mai stata intonacata e presentava allo spettatore il nudo mattone "foratone" (un tipo di mattone stampato) inframmezzato dal cemento per la muratura: non molto bello a vedersi. Abbiamo quindi incollato con colla americana tavole di polistirolo di 1 m.▓ alte 4 centimetri sulle pareti che abbisognavano una migliore ambientazione. Quindi, con un pennarello, abbiamo letteralmente "disegnato" sopra queste tavole un muro stile "a secco" (quindi con pietre poste in modo casuale) che avrebbe reso pi¨ armonioso l'insieme.

  2. Siamo passati quindi all'incisione del polistirolo secondo il disegno appena fatto con un saldatore a stagno, tipo "da stagnino" (non per elettronica!), semplicemente fondendo le tracce fatte col pennarello. Le incisioni non devono essere geometriche e devono andare abbastanza in profonditÓ: cmq consiglio qualche prova prima di passare al lavoro vero e proprio. Consiglio: pulite con uno straccio umido la punta del saldatore quando avrete finito e fondeteci un po' di stagno.

  3. A questo punto ci muniamo di una ciotola, gesso (scagliola, presa rapida o quello che vi pare basta ne abbiate a sufficienza per tutta la realizzazione) ed un pennello punta rettangolare di 4-5 centimetri. Preparate il gesso (POCO alla volta) facendolo mooolto liquido. Intingete il pennello e spalmate abbondantemente sul polistirolo. Cercate di fare il lavoro velocemente, considerando il ritmo con cui il gesso progressivamente asciuga. Un consiglio: se dovete interrompere o avete terminato il lavoro ricordate di pulire gli strumenti (ciotola e pennello) altrimenti sarete costretti a buttarli una volta che il gesso vi ha fatto presa.

  4. Quando avete terminato passate una mano di tempera mooolto diluita con il colore che volete dare alle vostre pietre. Il risultato vi meraviglierÓ.

           

 

A.D. Praesepium.com 2005

Back to tecniche